Tecniche di illuminazione per le riprese video in studio

Scegliere una buona videocamera è senza dubbio fondamentale per la riuscita di riprese di qualità, ma l’impatto maggiore lo otterrete soltanto scegliendo la giusta illuminazione. La luce fa la differenza più di qualsiasi altro elemento, è lei che trasmette l’atmosfera, la tensione le emozioni.

La tecnica di illuminazione a 3 punti luce

Schema illumnazione a tre puntiUna delle tecniche principali per ottimizzare l’illuminazione è quella con 3 punti luce che sono: una luce chiave, una di riempimento e una per il controluce.

  • la luce principale chiamata anche luce chiave serve per il soggetto ed è di solito posizionata su un angolo, è intensa, dominante e spesso viene “motivata” da una luce presente nella scena.
  • La seconda luce è di riempimento è serve principalmente per ammorbidire le ombre create dalla sorgente principale che come abbiamo detto è molto forte.
  • La terza luce invece è detta di enfasi o controluce e viene posizionata dietro al soggetto principale per dare profondità ed esaltarlo, staccandolo dal fondo.

Quali illuminatori usare

Lampade Flood IaniroPer un video di qualità è necessario disporre di tanta luce. Anche se la tecnologia delle videocamere moderne consente di ottenere riprese valide anche in condizioni di scarsa illuminazione, è sempre meglio lavorare in un ambiente ben illuminato, perché come insegnano i direttori della fotografia nel cinema, abituati a lavorare con la pellicola “se volete che il vostro video sembri un film illuminatelo come un film”. La potenza delle lampade per video professionale si aggira intorno ai 2 Kwatt fino ad arrivare alla potenza cinematografica di 10 Kwatt o 20 Kwatt dei fari usati per riprese notturne.

Esistono diversi tipi di lampade ma le categorie principali sono:

  • Illuminatori a luce diffusa o anche chiamati flood
  • Illuminatori a luce concentrata

Lampada Ianiro con lente di fresnelLe lampade a luce diffusa hanno uno specchio posto dietro la lampada che produce una luce morbida mentre i faretti a fascio concentrato hanno davanti alla lampada un vetro chiamato “lente di fresnel” con il quale è possibile regolare la direzione della di luce, per diametro e intensità.

Temperatura colore

Differenti tipi di luci trasmettono differenti temperature di colore, non percepibili a occhio nudo ma ben visibili all’obiettivo di una videocamera. Il colore della luce si misura in gradi Kelvin pertanto c’è da fare un’ulteriore suddivisione tra lampade  fluorescenti e lampade a scarica (HMI).

Le luci a fluorescenza hanno una temperatura colore che può variare dai 3200°K o 5400°K , lo spettro di emissione non è continuo  ma grazie alla facilità con cui si possono tarare le videocamere digitali hanno avuto una grossa diffusione.
Le lampade a scarica, invece,  producono luce grazie ad un gas ionizzato e hanno una temperatura  colore di 5600°K con una potenza che può arrivare fino 10 kw. Con l’ausilio di batterie questi faretti possono essere usati anche in esterni.

Lampada Ianiro HDVcamComunque, quale sia la lampada che utilizzerete è sempre necessario effettuare il bilanciamento del bianco affinché non ci siano brutte  dominanti che comprometterebbero l’aspetto del video.

Gli  accessori per gli illuminatori

Tanti gli accessori disponibili per direzionare la luce e controllarne l’intensità, tra questi ci sono i pannelli riflettenti, usati  per ammorbidire i contrasti generati dalle alte luci. Sono costruiti in PVC, elastico e consentono di riflettere la luce su una superficie che può essere di vari colori :

  • bianco per una luce uniforme e neutra
  • argento nei casi in cui è necessario schiarire mantenendo però un buon contrasto
  • oro per dare una tonalità calda all’ambientazione e ai toni della pelle,
  • traslucido per diffondere e generare una grande quantità di luce intorno al soggetto
  • Nero per  proteggere l’inquadratura da riflessi indesiderati o per aumentare i toni drammatici  di una scena.

Pannelli Riflettenti LastoliteL’azienda leader nella produzione di pannelli riflettenti, softbox, ombrelli e bank per lampade è la Lastolite, un’azienda inglese che da anni è un insostituibile partner di fotografi, direttori della fotografia, videomaker.

Ulteriori accessori professionali per  gli illuminatori  sono le alette paraluce, con  le quali è possibile applicare dei filtri per abbassare l’intensità luminosa oppure delle gelatine. Le gelatine sono utili perché permettono di tenere sotto controllo la temperatura colore, quindi eliminare le dominanti oppure aggiungerle intenzionalmente.

Tra le aziende più importanti nella produzione di lampade foto-video e accessori c’è l’ italiana Ianiro, da anni leader nel settore, con un’attività iniziata negli anni ’50 che ha accompagnato le produzioni più prestigiose di cinecittà.

Paraluce e portafiltri per illuminatoriIn fine per una corretta illuminazione è necessario posizionare le lampade in modo adeguato e sicuro pertanto, una sala di posa che si rispetti deve avere a disposizione una buona serie di stativi dedicati alle lampade e di pinze, strumenti robusti e versatili che consentano il controllo preciso della posizione dei faretti nel set. Naturalmente per stativi di qualità inconfutabile ci si deve affidare alla Manfrotto che dispone di un infinito catalogo di treppiedi per lampade oltreché per videocamere e fotocamere, per le pinze la Ianiro anche in questo caso è protagonista.

L’attrezzatura base per illuminare video in interni, non è particolarmente sofisticata e con poco si possono realizzare riprese di qualità, è necessaria solo un po’ di sperimentazione e gli accessori giusti, quindi, tanto per iniziare, 3 lampade correlate di stativi, alette paraluce, filtri in gelatina e pannelli riflettenti, ombrelli o bank e in fine fantasia . Buon lavoro!






MePa
GoPro Hero 3+
Acquista ora su Sabatini Shop
I corsi di Sabatini
Tutta la gamma dei nostri prodotti GoPro